Standard

“Da sempre, per comunicare, gli uomini si sono scambiati dei segni. L’impossibilità di trasmettere l’esperienza della realtà li ha spinti a rappresentarla, inventando sostituti via via più complessi. Nel corso del tempo quei segni si sono moltiplicati all’infinito: dalle più elementari espressione del corpo ai segnali a distanza, dai segni grafici all’intricato universo dei simboli. L’uomo ha costruito il suo mondo disegnando, oltre la scrittura e la parola, un universo di relazioni, divenuto il fondamentale stesso della comunicazione e della vita.”[1]

Uno dei molti punti di vista sotto il quale può essere letta la storia dell’Uomo è la sua capacità di comunicare. Tutti riconoscono che la scrittura rappresenta una tra  le più nobili e importanti invenzioni che possano mai essere concepite. “Lingua e scrittura sono due distinti sistemi di segni: l’unica ragion d’essere del secondo è la rappresentazione del primo.”[2]

La scrittura è uno dei modi per integrare alcune delle attività umane attraverso l’uso di segni. Ma vi sono spesso altri modi, che non implicano la scrittura, per raggiungere lo stesso risultato comunicativo (disegnare una figura è uno di questi). D’altra parte un messaggio scritto non è necessariamente un messaggio verbale: vi sono forme di scrittura per le quali qualsiasi traduzione in parole appare o marginale o irrilevante.

La scrittura può essere definita come un sistema di rappresentazione simbolica di segni che è in grado di trasmettere idee e immagini complesse incorporate in una struttura che può essere appresa da altri individui.

“La scrittura è un fedele eco dell’esperienza sensoriale personale, dei nostri paesaggi mentali, del modo di rapportarci con noi stessi e col mondo”.[3]

Come è nata la scrittura?

La sua storia è veramente molto lunga e complessa. Non sappiamo con precisione chi fu il primo ad inventare la scrittura e quando essa comparve per la prima volta, ma, si può affermare, che la scrittura intesa come registrazione del pensiero e del linguaggio, come sistema che fissa pensiero e parola sia esistita realmente da quando disegni o segni sono apparsi in rapporto diretto con le parole o le frasi pronunciate. Gli studiosi hanno indicato come data approssimativa il 6000 a.C. La nascita e la progressiva evoluzione dei grandi sistemi di scrittura sono ancora oggi parzialmente sconosciuti.

C’è stato un tempo in cui l’uomo non sapeva scrivere. Tuttavia, già decine di migliaia di anni fa l’uomo primitivo avvertiva la necessità di dipingere o disegnare figure sui muri o sulle pietre. Dal primo Paleolitico ai tempi d’oggi l’uomo ha lasciato in ogni parte del mondo tracce delle sue capacità artistiche in disegni su pietra. Questi disegni vengono chiamati petrogrammi se sono disegnati o dipinti, e petroglifici se incisi o scolpiti. Generalmente rappresentavano l’uomo insieme ad animali più disparati. Sono stati rinvenuti disegni di questo tipo in Europa, Africa meridionale e America del Nord.

Questi disegni hanno acceso la fantasia popolare dando così adito a svariate supposizioni. Molti affermavano che queste raffigurazioni rappresentavano la mappa di tesori nascosti, segni antichi riguardanti l’astrologia, simboli di culti diabolici e centinaia di altre ipotesi concepite da pura fantasia.

Oggi possiamo affermare, senza alcun dubbio, che lo scopo di questi disegni è in realtà molto più semplice. Nel Magdaleniano, l’ultima cultura del Paleolitico superiore europeo, diversi graffiti testimoniano l’interesse degli uomini primitivi che si orientava soprattutto verso le rappresentazioni di animali, tracciate sulla superficie delle caverne mediante incisione.

Infatti, già nel Paleolitico inferiore, esisteva un linguaggio usato tra gli individui. Da una generazione all’altra essi erano in grado di trasmettere un vero e proprio patrimonio culturale: tecniche di fabbricazione degli strumenti, sistemi e modi per cacciare, meccanismi su come produrre il fuoco. Nella maggior parte dei casi è molto difficile stabilire il motivo per il quale l’uomo ha disegnato o inciso una determinata figura dato che non possiamo essere al corrente delle circostanze che hanno portato alla sua esecuzione. Non è da escludere che, probabilmente, all’origine del disegno ci siano esigenze di tipo strumentale.

Quando, ad esempio, un cacciatore tornava da una caccia abbondante avvertiva l’esigenza di immortalare la sua fortunata esperienza in un’immagine. Potrebbe anche avere avuto la funzione di augurio per un’altra buona caccia in futuro o di commemorazione di eventi passati.

I graffiti nelle caverne raffiguravano, quindi, quegli animali che rappresentavano il principale mezzo di sussistenza per gli uomini ed avevano un significato magico rituale.

Con queste semplici riproduzioni l’Uomo ha gettato il primo seme per la nascita della scrittura, ossia un codice che permetteva di comunicare informazioni tramite segni.

Possiamo quindi dedurre che i nostri antenati utilizzavano un linguaggio articolato, diverso dai mezzi di comunicazione proprio degli animali, proprio per trasmettere tra loro le informazioni necessarie e per avere una qualsiasi forma di cooperazione all’interno del gruppo. Queste figure però non possono essere riconosciute come scritture perché non fanno ancora parte di un sistema convenzionale di segni.

Come il linguaggio, che si è sviluppato a partire dall’imitazione del suono, anche la scrittura è nata con l’imitazione delle forme di oggetti o esseri reali. Le immagini sono alla base di tutta la scrittura.


[1] G. Jean, Il linguaggio dei segni, la scrittura e il suo doppio, Electa Gallimard, 1994

[2] Ferdinand de Saussure, 1916

[3] Antonello Pizzi, Psicologia della scrittura: interpretazione grafologica di segni e tendenze del linguaggio scritto, Armando editore, 2007

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...