Archivi tag: calice

LA LANCIA E IL CALICE

Standard

Bayley ritiene che il glifo AV, significhi “Ave Millenium”. La lettera M che si trova all’interno del simbolo potrebbe anche indicare il nome di Maria.

La lettera Λ è il simbolo archetipo del principio maschile, la lancia, e la lettera V, il suo uguale opposto, è invece l’archetipo del principio femminile, il calice. Questo simbolo è raddoppiato nella figura simbolica del compasso e della squadra della moderna massoneria, che un tempo si basava sulle speranze medievali del Millennio di pace.

compasso

Bayley nel corso della sua indagine ha trovato anche una serie di disegni raffiguranti corone elaborate che recano impressi i contorni della lettera M .

In tutto il sistema simbolico ed iconografico conosciuto, i simboli della Lama e del Calice sono quelli più semplici e diffusi.

Vengono considerati simboli arcaici perché la forma che li caratterizza, il triangolo, è una tra le figure delle più semplici ma allo stesso tempo più potenti e, come il cerchio e il quadrato, facilmente reperibile in natura; in più, essi sono presenti in ogni istante della vita dell’uomo davanti agli occhi, nelle forme delle mani, chiusa o aperta.

mani

La mano chiusa e la mano aperta rappresentano gli archetipi universali della Lama e del Calice

La mano con la punta rivolta verso l’alto, detto “Lama”, “Corno” o “Lancia”, rappresenta l’Energia Maschile e tutto ciò connesso o riconducibile ad essa, come i simboli fallici, i betili[1] di forma conica, la verga o il bastone, la spada, la Lancia di Longino, la piramide, le cuspidi dei campanili, gli obelischi, ecc.

La mano con la punta rivolta verso il basso, al contrario, detto “Calice”, “Vaso” o “Coppa”, rappresenta l’Energia Femminile, come i simboli vulvari, le coppelle[2] scavate nelle rocce, il vaso o un qualsiasi altro contenitore, il cuore, il Santo Graal, il pozzo, la sorgente, lo specchio d’acqua, la caverna, ecc.

La Stella di Davide (o Esagramma, chiamato anche “Scudo dell’Arcangelo Michele”, oppure davideSigillo di Salomone) è l’esempio più illustre e comune dell’unione dei simboli della Lama e del Calice in un unico emblema, che rappresenta dunque l’equilibrio tra le due forze.

Il rombo, o losanga, ha lo stesso significato; alcuni simboli che hanno questa forma richiamano la dualità delle energie maschili e femminili, come l’Alfa e l’Omega

Alfa_Omega_Barcellona

L’Alfa e l’Omega in forma di Doppio Ternario nella Sagrada Familia di Antoni Gaudì (Barcellona, Spagna)

Il simbolo universalmente riconosciuto ed accettato che sta ad indicare il Cuore, non è altro che la “V” del calice sormontata da due semicerchi. Che cosa è, infatti, il cuore se non un “vaso” destinato a raccogliere al suo interno il sangue, ovvero la linfa vitale? Nella celebrazione liturgica dell’Eucaristia, durante la Messa, il sacerdote presenta ai fedeli l’ostia circolare, appellandola “Agnello di Dio”, poi la spezza dividendola in due semicerchi, infine la presenta nuovamente ai fedeli insieme al calice, posto al di sotto. Ecco, dunque, ricreato perfettamente il simbolismo del cuore.

Anche se la maggior parte dei fedeli non se ne rende conto, il rito della consacrazione Eucaristica è quello che nella celebrazione della messa ha conservato più simbolismo esoterico di qualsiasi altro, e ciò non deve stupire perché i primi Cristiani elaborarono un simbolismo proprio ma non lo crearono dal nulla, bensì adattarono ed attualizzarono tutto il simbolismo pagano già esistente e consolidato nei secoli. Il ben noto simbolo degli innamorati, un cuore trafitto da una freccia, fa riferimento al mito greco di Eros, il dio dell’Amore, che faceva innamorare le persone trafiggendo i loro cuori con le sue frecce.

Leggendo il simbolo nella chiave interpretativa presentata in questo articolo, non è altro che, ancora una volta, una Lama che penetra in un Calice, l’unione dei principi maschile e femminile.[3]

Nella mitologia cristiana, il Santo Graal e la Lancia di Longino, sono due sacre reliquie il cui enorme potere deriva dall’essere state in contatto con il sangue di Gesù.

Calice_du_sacre_Tau          Lancia_Longino

Nelle varie leggende sulla discendenza reale, il Graal, collegato a Maria Maddalena, impersonifica l’utero, ovvero il ventre, entro il quale il sangue di Cristo si è tramandato, mentre la lancia, con la quale il centurione romano trafisse il costato di Gesù, rappresenta simbolicamente l’ostilità dell’imperatore che, insieme alla società religiosa, non accettavano l’esistenza di questa stirpe regale.

Un messia che, allo stesso tempo, fosse stato re e sacerdote infastidiva entrambe le fazioni. Dunque ogni accostamento dei simboli del Calice e della Lama sono un’allusione esoterica all’unione divina tra Gesù e Maria Maddalena, ed alla loro presunta discendenza.

Questi due simboli medievali del Graal sembrano avere delle analogie con i principi dell’alchimia che sono stati rinvenuti dei documenti scritti dei vecchi maestri spirituali. Gli alchimisti erano alla ricerca di un metodo per trasformare il piombo in oro attraverso processi chimici, e i simboli dei metalli usati in questi scritti furono un deliberato “pretesto” o un gesto di facciata, escogitato per depistare i non iniziati.


[1] Il betilo o (bétile – bethel) è una pietra a cui si attribuisce una funzione sacra in quanto dimora di una divinità o perché identificata con la divinità stessa.

[2] La coppella è un incavo emisferico del diametro di pochi centimetri ricavato in modo artificiale dall’uomo su basi rocciose normalmente piane o poco ripide.

Annunci

IL MISTERO DEL SANTO GRAAL

Standard

Uno dei miti più affascinanti e longevi di tutta la cultura dal Medioevo in poi è senza dubbio quello del Santo Graal. Innanzitutto resta il mistero della sua natura: è una reliquia? È un calice o una coppa? È una pietra o uno smeraldo? Un libro? Un piatto d’argento? È importante in quanto contenitore o per il suo contenuto? Il piatto e la coppa contengono entrambi del sangue, può essere questo l’elemento più importante, in quanto il sangue è simbolicamente portatore dello spirito?[1].

Il Graal è un simbolo poliedrico che racchiude in sé svariati significati. È considerato un tramite per la divinità e rappresenta la molteplicità della potenza di Dio. Rappresenta la guarigione, la nascita e la rigenerazione.

ARScercagraal

“Sir Galahad alla cerca del Graal” di Arthur Hughes (1832-1915)

Nel corso dei secoli quest’oggetto ha assunto svariate forme, calice, pietra, vassoio, ma le sue proprietà di rigenerazione sono sempre rimaste immutate nel tempo. La forma più comune con cui è conosciuto oggi il Graal è quello di un calice o in genere una coppa.

Se prendiamo in analisi gli antichi geroglifici egizi scopriamo che il geroglifico che rappresenta la donna è raffigurato con un pozzo d’acqua. La donna, che è simbolo di sorgente di vita, è legata all’acqua, fonte di vita per eccellenza, ma anche al liquido amniotico: il pozzo d’acqua inteso come grembo materno.

Nell’antico Egitto l’acqua assumeva un significato molto importante. I raccolti erano inevitabilmente legati alla regolarità delle piene del Nilo. Tutto dipendeva dall’acqua. Proprio per questo motivo tutte le grandi civiltà della storia si sono sviluppate intorno a corsi d’acqua: il Nilo, il Tevere, il Tigre e l’Eufrate, l’Indo.

Il Graal è, in qualche modo, collegato a questi antichi miti. Probabilmente non esiste alcuna connessione diretta, ma questi simboli sono universali e portano con sé memoria degli antichi significati. Una delle proprietà del simbolo è quella di rappresentare significati universali a tutti gli uomini e di passare incolume attraverso le generazioni umane assumendo nuovi significati ma conservando gli antichi.

Il significato simbolico del Graal associato all’origine della vita è, senza dubbio,  connesso alla donna e alla sua facoltà di generare la vita. Il Graal contiene questa simbologia femminile, perché è esso stesso che offre la vita. In alcune leggende il Graal è legato alla Lancia sanguinante, simbolo maschile per eccellenza. Il Calice simboleggia la donna, la lancia l’uomo, insieme generano la vita e raffigurano l’atto creatore di Dio. Quale migliore rappresentazione della potenza divina della generazione di una vita dall’unione di un uomo e di una donna.

Il Graal dunque racchiude in sé il principio maschile e femminile. Nella tradizione cristiana c’è un collegamento fra la donna e un “contenitore” nella Litania Lauretana, la Vergine Maria viene descritta come: “Vas sprirituale, vas onorabile, vas insigne devotionis”, ovvero “vaso spirituale, vaso dell’onore, vaso pregiato di devozione”. La Vergine Maria è descritta come un contenitore, il “contenitore” per antonomasia perché ha custodito il Figlio di Dio.


[1] Monika Hauf, La Via del Sacro Graal, Arkeios Edizioni, pag. 9