Archivi tag: campidoglio

LA CASA BIANCA E IL WASHINGTON MONUMENT

Standard

La prima pietra di quest’edificio, è stata posata in una data molto particolare: era il 13 ottobre 1792, una data con un forte simbolismo templare. Il 13 ottobre 1307, infatti, è la data in cui vennero incarcerati tutti gli appartenenti all’ordine templare. La Casa Bianca fu terminata dopo la morte di George Washington. Nel corso degli anni fu distrutta da un incendio e più volte rinnovata, sempre sulla base del progetto iniziale dell’architetto James Hoban.

Dalla Casa Bianca, ancora in costruzione, nel 1793 partì il corteo che, percorrendo la Pennsylvania Avenue, arrivò sul luogo in cui avvenne la cerimonia della posa della prima pietra del Campidoglio; esattamente sulla stessa direttrice del corteo, alcune ore prima del sorgere del Sole, era sorta Sirio, mentre all’alba, la stella si trovava esattamente sul luogo in cui sarebbe sorto il Campidoglio. Questi particolari allineamenti stellari erano ben conosciuti dalla massoneria a cui appartenevano sia gli architetti che gli organizzatori delle cerimonie. Per capirne a comprendere meglio tutto ciò dobbiamo arrivare nell’anno in cui il primo presidente morì: il 1799.

 

casa-bianca5

washington-monument-address

 

Per ricordare la figura di questo grande uomo che tanto diede alla nazione, si decise di innalzare un grande obelisco alto circa 170m, con una punta affusolata come una sorta di piramide. La cerimonia della posa della prima pietra del Washington Monument, avviene il 4 luglio 1848, giorno dell’Indipendenza americana dall’egemonia inglese, ma anche data che ci riporta al simbolismo templare in quanto, se convertita dal calendario giuliano, è il giorno di San Giovanni dei Massoni. A causa della mancanza di fondi e di intrighi politici, per l’inaugurazione bisognerà attendere il 22 febbraio 1885: la cerimonia avviene di pomeriggio, in coincidenza con il sorgere di Sirio, alla presenza dei rappresentanti delle logge di tutti gli Stati Uniti.

Annunci

LA STORIA DELLA CITTA’ DI WASHINGTON

Standard

Nel 1789 la giovane nazione americana appena instauratasi decide di costruire una grande capitale federale in Virginia, il progetto iniziale è di Pierre Jean L’Enfant poi affiancato da altri.

220px-Pierre_Charles_L'Enfant                   plan

 

 

Nato a Parigi, L’Enfant era entrato nell’esercito rivoluzionario americano di cui condivideva gli ideali repubblicani. Qui aveva conosciuto George Washington del quale era divenuto amico e fratello massone.

L’Enfant presenta un progetto faraonico, se si pensa che la capitale è progettata per uno stato di 500 milioni di abitanti, all’epoca ce n’erano solo quattro in tutto il Paese e oggi ve ne sono all’incirca 300 milioni. Un progetto in cui i riferimenti agli antichi riti egizi sono ovunque.

Sono molti gli indizi che fanno pensare che la città sia stata costruita sulle basi di una mappa occulta. Le vie della città sono tutte parallele le une alle altre sia in orizzontale che in verticale, quindi si formano degli angoli di 90°, poi ci sono altre strade, invece, che tagliano in diagonale l’intera mappa. C’è chi dice che questo è stato fatto per rendere più vivibile la città, altri invece affermano che questo particolare disegno delle strade formi dei simboli.

Uno schema simile alla mappa della città di Washington si ritrova anche nelle piante di Londra e Parigi, secondo alcuni studiosi l’intento dei progettisti, tutti appartenenti alla massoneria, era di ricreare sulla terra quella che nella tradizione massonica è la città ideale, ovvero la Gerusalemme celeste.

Il disegno del progetto di L’Enfant è perfettamente sovrapponibile ad un altro disegno, l’albero della vita di tradizione ebraica. In questo disegno ci sono dei nodi importanti chiamati “sefirot”.

treeoflifegvSe sovrapponiamo le due mappe, in coincidenza con queste troveremo gli edifici più importanti della città. Alle singole “sefirot”, quindi, corrispondono punti ben precisi: alla prima “sefirah”, che significa “La Volontà Prima”, corrisponde il Lincoln Memorial; tra la quinta e l’ottava, rispettivamente “Giudizio” e “Gloria”, troviamo il Jefferson Memorial. Entrambe figure fondamentali nella storia degli Stati Uniti, Thomas Jefferson, uno dei padri fondatori, è stato il terzo presidente e il principale autore della “Dichiarazione d’Indipendenza”. Abraham Lincoln, è unanimemente ritenuto una delle figure più importanti della nazione: fu il presidente che abolì la schiavitù. Tra la quarta e la settima “sefirah”, che significano rispettivamente “Misericordia” e “Vittoria”, troviamo la Casa Bianca; alla sesta “sefirah”, che significa “Principio Armonizzante” il Washington Monument; alla decima, “Il Regno”, il Campidoglio.

 

La città di Washington risponde perfettamente a un disegno massonico, è dunque una grande antologia di tutto il sapere tradizionale che lega la novità di una capitale tutta inventata, alla storia greco-romana e a quella degli egizi.

Washington ci sta rivelando delle simbologie occulte, così tante, così precise che non ci aspetteremo di trovare in una città moderna.

Stiamo per abbandonare l’ambito politico per entrare in quello economico, infatti anche la banconota da un dollaro vale la pena essere esaminata con attenzione. Ma prima dobbiamo analizzare un luogo decisamente particolare: la Casa Bianca.

COSTANTINO BRUMIDI: l’apoteosi di George Washington

Standard

Il cuore del Campidoglio è la “Rotonda”, una sala di oltre 30 metri di diametro, circolare, sormontata dalla cupola interna del campidoglio. Una volta era la sala della camera dei rappresentanti ma nel 1864 la sua funzione è cambiata, ed oggi è una sala di rappresentanza. Incastonato nella parte superiore della cupola giace un affresco chiamato “L’apoteosi di George Washington”, questo affresco racchiude una serie di simbologie particolari, è stato dipinto da un artista chiamato il Michelangelo americano, forse con troppa enfasi, la verità è che questo artista conosceva molti segreti che ha cercato di rappresentare con delle simbologie all’interno di questo dipinto, delle cose che si vedono e delle cose che apparentemente sono celate, era un italiano: Costantino Brumidi.

Costantino Brumidi era un artista nato a Roma nel 1805 da padre greco e madre italiana, il suo lavoro era stato apprezzato anche in Italia tanto che ebbe degli incarichi anche da Papa Gregorio XVI. Nel 1849, quando Roma fu occupata dai francesi, Brumidi emigrò e raggiunse gli Stati Uniti. Nel 1852 ricevette la cittadinanza americana e nel 1855 fu assunto per realizzare la sua opera maggiore: l’apoteosi di George Washington. Ci lavorò per venticinque anni dedicandosi a realizzare le scene che rappresentavano la nascita della nuova potenza mondiale.

apotheosis_of_washington

Il dipinto si trova in alto, nella parte centrale della cupola, 55 metri sopra il pavimento, copre un’area di oltre 420 mq. Brumidi iniziò il suo capolavoro undici mesi dopo il termine della guerra civile, subito dopo la fine dei lavori di costruzione della cupola, la particolarità dell’opera è che è perfettamente visibile sia da una distanza di 15 metri che dal pavimento della sala “Rotonda”.

All’interno del dipinto, l’artista alterna personaggi reali a personaggi che derivano dal mito, vediamo George Washington, ricordiamo che apparteneva alla massoneria, come del resto la maggior parte degli uomini del tempo.

Lo vediamo raffigurato in mezzo a due ragazze.

brumidi_constantino_-_apotheosis_of_washington_detail-_washington_enthroned_-_1865

 

La prima rappresenta la libertà e l’autorità, la seconda la vittoria e la fama. Altre tredici ragazze sono intorno a lui con delle stelle sopra, e rappresentano le tredici stelle della prima bandiera americana, che si riferiscono alle prime tredici colonie.

Ci sono vari simboli che Costantino Brumidi ha reso visibile all’interno del dipinto, come il martello e l’incudine, il compasso, la spada, l’aquila.

Nell’opera è facile rintracciare alcuni elementi caratteristici della tradizione massonica: la spada è George Washington stesso adspada impugnarla. Arma nobile che contraddistingue il cavaliere e l’eroe, separa il bene dal male, e, in perfetto stile massonico, punta verso il basso.

Il compasso, presente nel gruppo della scienza, dove si trova Minerva, dea della saggezza, delle arti e della civiltà, sempre invocata dai massoni nei lavoro di aperture e chiusura nel tempio. Il compasso è alla sua destra, nella mani di un insegnante, aperto a 45°, ad indicare che gli apprendisti non dominano ancora la materia.

L’aquila, si trova nella raffigurazione della guerra, ha le ali spiegate, è metà bianca e metà nera, tiene tra gli artigli le frecce. Il simbolismo dell’aquila, molto complesso, in sostanza ricorda la figura di Melkizedek, doppiamente sovrano in quanto re di pace e di giustizia.

Il martello, tenuto in mano da Vulcano nel gruppo della meccanica, indica la forza ma anche l’autorità del maestro.

Questi simboli sono ancora più evidenti nei fregi che percorrono tutta la volta dove si racconta la storia dell’America.

 volta

Nell’immagine che raffigura la colonizzazione del New England appaiono martello e scalpello, uniti insieme simboleggiano l’intelligenza, che agisce e persevera, e il discernimento. Nel riquadro rappresentante Montezuma che riceve Cortes si trova un tamburo con la forma della Croce di Malta dei cavalieri, quindi dei massoni. Nella tavola della guerra civile il soldato confederato e quello dell’unione si stringono la mano ma la loro stretta è sul polso non tra le mani, come tipico tra i massoni.

Chissà quante persone hanno attraversato il corridoio che porta alla sala “Rotonda”, che si trova proprio sotto la cupola, ignari dei simboli che li circondavano.

Abbiamo analizzato i simboli evidenti nell’affresco del Brumidi, adesso cercheremo di scoprire se c’è qualcos’altro, qualcosa che non si vede a prima vista, ma che vale la pena di essere scoperto.

Vedendo l’affresco del Brumidi ci rendiamo conto che, ponendo Washington alla base, circondato dalle donne di cui si è parlato in precedenza, si forma un triangolo con al centro quello che per alcuni è un sole appena abbozzato o solo un effetto ottico, può diventare proprio la pupilla dell’occhio.

capg4-300x232          occhio

 

È realmente questo il significato?

L’immagine dell’occhio, in virtù della sua importanza come organo di senso, simboleggia per la maggior parte dei popoli l’occhio divino che vede tutto. Nell’antichità l’occhio compariva come raffigurazione del dio sole, per i massoni l’occhio racchiuso nel triangolo possiede una duplice simbologia, sul piano fisico il sole, sul piano spirituale il grande architetto dell’universo. Il triangolo, invece, rappresenta alla base la durata, e ai lati tenebre e luce.

Dunque l’edificio del Campidoglio, la cui costruzione è iniziata in una data esatta, in un punto specifico, seguendo un allineamento stellare ben preciso, ha al suo interno un affresco con molte figure, molte delle quali risalenti alla cultura e alla tradizione massonica.

Molti credono che l’edificio faccia parte di un disegno molto più ampio, che comprende l’intera città di Washington costruita per rappresentare la potenza più importante al mondo. [1]


[1] Luca Molinari, Andrea Canepari, The Italian Legacy in Washington D.C.: Architecture, Design, Art, and Culture, Skira editore, Milano 2007