Archivi tag: linguaggio

LA SOCIETA’ MODERNA E L’APPROPRIAZIONE INDEBITA DI SIMBOLI

Standard

Esistono due forme espressive di linguaggio: linguaggio diretto e linguaggio indiretto. Nel linguaggio diretto prevale l’uso della parola e si ha dunque un’immediata comprensibilità. Il linguaggio indiretto, invece, è espressivamente più ricco, ma anche più controverso e quindi fraintendibile. Entrambi sono molto importanti, poiché sono forme di comunicazione complementari. Il linguaggio indiretto, in particolare, non esprime un solo significato, ma al suo interno ne comprende molti, e comporta un’interpretazione delle metafore e dei simboli di cui è composto. Infatti, il simbolo è un artefatto comunicativo, ed è considerato non per quello che è di per sé, ma per quello che è in grado di rappresentare.

Oggi i segnali non verbali sono una forma di comunicazione alternativa, fungono da sostegno al messaggio diretto. Le movenze di una persona, il modo di gesticolare, l’intonazione della voce, ed altri fattori risultano avere una grande importanza. La costruzione del discorso, i colori e i suoni, contribuiscono a rendere il messaggio più agevolmente percepibile. L’originalità , lo stile, la logica dell’argomento persuasivo e la pertinenza sono fra i fondamentali “strumenti” di persuasione legati all’oratoria. Infine, hanno un grande rilievo, sempre parlando di persuasione, la semplicità, la brevità concisa ma efficace, del messaggio stesso. Ad esempio gli slogan pubblicitari, gli aforismi, le sentenze sono costituiti da frasi ricche d’idee e soprattutto sintetiche, orecchiabili e coinvolgenti, destinate a rimanere impresse nella mente, e, quindi, a persuadere la persona al quale sono rivolti.[1]

In una delle scene iniziali de “Il Codice Da Vinci”, quando entra in scena il protagonista professor Robert Langdon, risulta immediatamente comprensibile quanto il simbolismo sia un elemento trainante della storia, quanto un simbolo, una colomba piuttosto che una croce uncinata, assuma un valore che va oltre la sua concezione fino a rappresentare ideali astratti come la pace o un progetto politico.

La società di oggi purtroppo va ad una velocità tale che spesso si fa fatica a riconoscere e caratterizzare i vari simboli che ci scorrono davanti ed è molto facile cadere in errore. La svastica o croce uncinata, ad esempio, che come abbiamo già visto fu adottata dal Terzo Reich durante i terribili anni della seconda guerra mondiale: per molti rappresenta la tristezza e il buio che caratterizzò quel periodo dominato da Hitler ma, in realtà, è un simbolo di prosperità e fortuna, adottato da alcune civiltà antiche tra cui i Greci. In questo caso è avvenuta una vera e propria appropriazione indebita di un simbolo e una modificazione criminale del significato storico dello stesso per piegarlo ad un ideale sicuramente meno nobile.

Nella società odierna ci sono numerosi di questi esempi, anche se meno drammatici, alcuni casuali, altri voluti, altri ancora erroneamente associati a un qualcosa cui in realtà sono lontani anni luce.[2]

Annunci

COMUNICARE SENZA PAROLE

Standard

Cosa significa comunicare?

Il verbo comunicare deriva dal latino communico cioè “condivido” ed è un atto sociale e reciproco, mediato dall’uso di simboli che hanno un particolare significato tra individui e gruppi diversi.

Parlando di comunicazione viene naturale fare riferimento al linguaggio, esso infatti è caratteristica che differenzia l’uomo dagli altri esseri viventi.

Esistono numerose definizioni del linguaggio, ma è desumibile che esso è un insieme di elementi di natura simbolica i quali, giustamente associati, forniscono una riproduzione della realtà. L’insieme di queste rappresentazioni costituisce poi le basi esperienziali di ciascun individuo ed è proprio sulla base di queste che interagiamo con l’ambiente. Ad esempio se pensiamo alla parola “sole” ci viene in mente immediatamente il calore, l’estate, ecc.

Nel corso dell’evoluzione, come già abbiamo visto nel primo capitolo, l’essere umano ha sviluppato un’ampia gamma di sistemi utili per inviare messaggi. Alcuni di questi impiegano meccanismi relativamente poco complessi, altri, al contrario risultano essere estremamente ricercati. Comunicare non significa quindi solo parlare; la comunicazione umana infatti è caratterizzata da molto di più delle semplici parole. Esistono infatti diversi sistemi di comunicazione alternativa.

Tra questi possiamo includere quelle forme che usiamo spontaneamente e che costituiscono la cosiddetta comunicazione non verbale.

I PRIMI SEGNI

Standard

Agli inizi, il messaggio delle incisioni nelle caverne era comprensibile a tutti. I graffiti, o pittogrammi, potevano essere decifrati da qualsiasi individuo. Questa scrittura nascente si limitava a descrivere, o meglio, rappresentare un evento. I pittogrammi erano in grado di trasmettere solo concetti elementari come l’uccisione di una preda, quanti cacciatori avevano partecipato alla spedizione o quali animali erano stati catturati. Ma non si poteva dedurre quanto tempo avevano atteso i cacciatori prima dell’agguato o a quale distanza si trovava la caverna dal territorio di caccia.

Le immagini della scrittura pittografica, che potevano essere comprese da chiunque, preannunciano lo sviluppo del linguaggio. La differenza tra le lingue e le rappresentazioni grafiche è che quest’ultime sono basate su un “linguaggio” universale, ossia un’immagine di un animale era comprensibile a tutti, mentre le lingue orali no. La capacità di produrre parole per comunicare si sviluppò dalla capacità di trasformare le immagini, e quindi i simboli, in parole.

Si passa gradualmente dalla descrizione di oggetti alla comunicazione di concetti cognitivi, siamo alle origini della successiva divulgazione di idee attraverso suoni: l’alfabeto. Dai pittogrammi dell’era glaciale si sviluppò la scrittura ideografica, che nacque in Cina intorno al 2500 a.C.

L’ideogramma è un disegno molto stilizzato, corrispondente ad una parola, ma per poter rendere tutti gli elementi di una lingua occorrono numerosi segni, tanti quante sono le parole esistenti. Si intuisce subito che questo è sistema molto complesso da utilizzare e difficile da apprendere.

Il manifestarsi della necessità di una scrittura giunge quasi contemporaneamente dall’Oriente dal momento che molti dei documenti più antichi sono stati scritti dai Sumeri, Egizi e Accadi. « Le prime testimonianze scritte risalenti alla fine del IV millennio sono una forma mista di ideogrammi ed elementi fonetici e comprovano già una forma superiore della scrittura che deve essere stata preceduta da una scrittura puramente ideografica ».[1]

I pittogrammi sono stati indubbiamente all’origine di tutte le scritture. L’analisi dei vari percorsi che hanno condotto una lingua verso una sua rappresentazione grafica ci ha consentito di individuare due categorie principali: scritture figurative e scritture alfabetiche. La prima tipologia include tutte quelle scritture che non hanno subito variazioni significative nel tempo, ma che anzi hanno conservato gli antichi pittogrammi, anche se stilizzati, nel corso dei secoli. Una prova ne è la scrittura cinese. Nella seconda categoria, invece, troviamo tutte quelle scritture i cui segni si sono modificati fino ad arrivare a segni unicamente fonetici, le cui linee si sono sempre più trasformate e modificate nel tempo fino ad arrivare all’alfabeto latino.


[1] Károly Földes-Papp, Dai graffiti all’alfabeto: la storia della scrittura, Jaca Book, 1985