Archivi tag: segreti

LEONARDO DA VINCI: IL MAESTRO

Standard

Vi sono personaggi che nella coscienza comune non vengono considerati semidei perché la nostra cultura non comprende questo concetto, ma in compenso vengono definiti geni, un termine equivoco, utilizzato per definire i protagonisti umani “che hanno fatto storia”. In tal modo, non diversamente da quanto avveniva nell’antichità, la storia si popola di leggende e di miti. Uno di questi miti è Leonardo da Vinci: “luce del Rinascimento” o anche “genio tra i geni”, come viene ancora definito oggi nelle moderne enciclopedie, anche se da molto tempo è cominciata un’analisi critica della sua opera che ha portato a ridimensionare certe sue qualità, e nel contempo a d evidenziarne altre.

Tra il XVII e il XVIII secolo Leonardo da Vinci è stato al centro di innumerevoli controversie riguardanti la sua produzione artistica, spesso confusa con opere di discepoli minori o imitatori. Poi, nel corso dell’Ottocento, quando ebbe inizio l’analisi dei suoi manoscritti, si consolidò il mito del “genio di Leonardo”.

Nel pittore di Vinci si vede l’uomo onnisciente, il severo indagatore di segreti naturali, il precursore della scienza moderna, il pittore sublime e raffinato che ambiva ad elevarsi alle più alte vette dello spirito. Da qui presero vita certe credenze che vedono Leonardo come il divulgatore di segreti tenuti nascosti al volgo per secoli, o anche il “Grande Maestro” del fantomatico “Priorato di Sion”.[1]

Film, romanzi e articoli hanno contribuito a rendere ancor più popolare la vita e l’arte del maestro toscano, pretendendo di rivelare e d’interpretare i misteri nascosti all’interno delle sue opere. In effetti l’opera di Leonardo offre numerosi simboli e segreti da svelare; i suoi dipinti, i minuziosi disegni e la sua carriera artistica appaiono oggi difficili da capire tanto quanto lo erano ai suoi tempi, quando era ritenuto dai contemporanei una figura geniale ed enigmatica.

Leonardo incarna perfettamente le nuove idee e l’atteggiamento che hanno caratterizzato la cultura del Rinascimento nel Quattrocento e nel primo Cinquecento in quanto architetto, scultore, scienziato, inventore ma soprattutto pittore.

Oggi Leonardo è considerato il simbolo più tangibile del Rinascimento, cioè di quell’epoca in cui comincia a dissolversi l’antica concezione del mondo e a farsi strada una visione meccanicistica della natura che portò allo sviluppo della scienza sperimentale.


[1] Ernesto Solari, Gli arcani occultati di Leonardo, Saval editore, Bologna 1990